User-Experience e usabilità del sito: 3 errori che quasi tutti commettono quando progettano il sito

User-Experience e usabilità del sito: 3 errori che quasi tutti commettono quando progettano il sito

In principio era l’usabilità: definita come “il grado di efficacia, efficienza e soddisfazione con cui l’utente interagisce con la macchina.” Ed è proprio l’usabilità di un sito web uno dei fattori principali a determinarne il successo, essendo il sito un mezzo con cui comunichiamo con i nostri potenziali clienti.

L’usabilità è uno degli elementi della user experience, la quale è l’insieme di tutte quelle azioni volte a garantire un’esperienza d’uso piacevole. Chi si occupa di user experience lo sa bene: è necessario porre al centro i bisogni degli utenti e cercare di soddisfarli a pieno attraverso l’interazione con il sito stesso. Che cosa vuol dire? Che, affinché un sito sia usabile e garantisca anche un’ottima esperienza all’utente è necessario studiare e progettare l’architettura del sito, i suoi contenuti, la sua grafica e i suoi elementi aggiuntivi in modo che tutto risponda prontamente ai reali bisogni del cliente in target.

Ecco, perché, quando si realizza un sito web è molto importante non scivolare in errori banali, ma molto comuni che penalizzano non solo l’esperienza utente, ma anche l’usabilità stessa.

User-Experience: Ecco 3 tra gli errori più comuni quando si progetta un sito web:

ERRORE N°1 “LO STILISTA”

Spesso, chi progetta e crea un sito web vuole che sia unico e dal layout originale. Questo va bene, ma non bisogna esagerare. È meglio ideare una veste grafica più semplice ma funzionale che seguire le tendenze del momento in fatto di graphic design (soprattutto se quest’ultime spiazzano l’utente e non gli consentono una facile usabilità e interpretazione delle informazioni). Infatti, l’aspetto estetico di un sito web è quello che più di tutti ha il potere di influenzare l’utente: l’ideale è creare un design semplice e lineare in cui l’utente riesca a comprendere sin dai primi secondi dove si trova e come muoversi per trovare quello che gli occorre. La creatività è importante, ma bisogna tener conto anche di aspetti più concreti per non confondere l’utente: ti consigliamo di affidare la creazione del tuo sito web a web developer e web designer professionisti.

ERRORE N°2: NON DARE PER SCONTATO CHE L’UTENTE SAPPIA COSA FARE

L’utente ha poca attenzione: se vuoi guidarlo nella lettura di determinati testi, o vuoi condurlo a compiere un’azione specifica (iscriversi alla newsletter, compilare un form di contatto etc) devi dirglielo esplicitamente. Crea call to action visibili, chiari e comprensibili, metti in evidenza i link cliccabili, crea grafiche accattivanti per porre l’attenzione dove vuoi tu e spingilo ad agire.

ERRORE N° 3 NON CURARE LA VERSIONE MOBILE (RESPONSIVE)

Sai che circa il 70% delle ricerche online avviene tramite smartphone o dispositivi mobili?

La versione responsive del tuo sito web è molto importante per i motori di ricerca e, soprattutto, per l’utente. A volte si commette l’errore di creare un sito responsivo, ma di non controllare che tutti gli elementi del sito vengano correttamente visualizzati e siano correttamente utilizzabili anche dai dispositivi mobili. Degli esempi molto comuni sono: l’impossibilità di visualizzare immagini o righe di testo, l’impossibilità di compilare un form per esteso, bottoni non cliccabili etcAssicurati che tutto sia perfettamente funzionante!

Creare un sito che sia utile, esteticamente bello, di facile utilizzo e che garantisca un’eccellente esperienza all’utente non è sempre facile: è necessario pensare come l’utente, ideare con mente creativa e agire da professionisti.


Vuoi che il tuo sito sia usabile e garantisca un’ottima esperienza ai suoi visitatori?

Siamo qui per questo: parlaci della tua azienda

Contattaci ora

Disponibile il libro "Mostrami il tuo sito web e ti dirò che imprenditore sei" di Luca Proserpio.

Un libro per gli imprenditori che vogliono scoprire i segreti dei progetti web delle aziende di successo.

Acquista il libro


Condividi l'articolo